Un'interessante e aggiornato studio di Banca d’Italia, sul funzionamento delle procedure esecutive immobiliari e su loro impatto nel recupero dei crediti è uno dei principali temi trattati in questo documento, utile a comprendere lo stato dell’arte dell’espropriazione forzata.

L’espropriazione forzata immobiliare consiste in un processo giudiziario (cd. di esecuzione) attraverso il quale il creditore ottiene il soddisfacimento dei crediti non onorati attraverso la vendita forzata o l’assegnazione degli immobili di proprietà del debitore. Per comodità di analisi, le procedure esecutive immobiliari possono essere scomposte in tre fasi principali:

1) la fase precedente la vendita (cd. fase prevendita);

2) la fase di vendita;

3) la fase comprendente tutte le operazioni successive alla vendita del bene (cd. fase post-vendita).

La prima fase comprende l’insieme delle attività e degli atti attraverso i quali il creditore richiede al tribunale la vendita dell’immobile pignorato e il tribunale, dopo averne ottenuto la stima del valore da parte di un esperto..

Fonte: vai alla fonte

Categorie:
Osservatorio Esecuzioni Immobiliari